29 set 2015

Katakana: i suoni puri (parte 1)

Nella scorsa lezione abbiamo introdotto il sillabario katakana, parlato della sua origine e compreso il suo utilizzo nella quotidianità. Grazie alla tabella riassuntiva abbiamo anche potuto dare uno sguardo alla sua estetica: tratti duri, lineari, più semplici di quelli dell'hiragana, e per questo talvolta un po' troppo simili tra loro. Basta fare attenzione, procedere un passo alla volta e studiare le sillabe a piccoli gruppi, proprio come abbiamo fatto finora~

I segni che vedremo oggi consistono nella prima parte dei suoni puri. Foneticamente parlando, non ci sono differenze con l'hiragana: le pronunce sono le stesse, cambia solamente il segno grafico che le rappresenta. Anche nel katakana è importante rispettare l'ordine dei tratti, i cui principi possono essere riassunti nel seguente elenco:
- procedendo dall'alto verso il basso
- procedendo da sinistra verso destra
- procedendo dall'esterno all'interno
Oltre a questo, vale la già discussa regola della grandezza costante: all'interno dello stesso testo i segni grafici devono tutti occupare lo stesso spazio, che può essere immaginato come un piccolo quadrato da riempire con il carattere del caso.



LEGENDA:
- freccia rossa: indica in che direzione tracciare il tratto;
- puntino verde: indica il punto da cui iniziare a tracciare. Sono tanti quanti i tratti necessari a scrivere una sillaba;
- fascia azzurra: indica la sillaba che dobbiamo realizzare;
- tratto in trasparenza: linea guida per capire come tracciare.

GRUPPO A-I-U-E-O:
 PRONUNCIA: Ricordiamo ancora una volta, giusto affinchè il concetto venga afferrato per bene, che le vocali giapponesi sono tutte chiuse. Ciò vale sia per le vocali sole (come in questo gruppo), sia per quelle accompagnate da consonanti. La loro realizzazione fonetica sarà, quindi, simile a quella delle vocali evidenziate nelle seguenti parole dell'italiano standard: capire, simile, nudo, mangiare, prato.






GRUPPO KA-KI-KU-KE-KO:
PRONUNCIA: il suono della K giapponese corrisponde al suono della nostra "c dura", in parole come cane, chiave, cugino, chela, coraggio. Fate attenzione a non confondere la sillaba KA del katakana con quella dell'hiragana: sono molto simili, ma la prima oltre ad avere tratti più rigidi manca del piccolo tratto obliquo in alto a destra.








GRUPPO SA-SHI-SU-SE-SO:
PRONUNCIA: la S giapponese nella sillaba SHI si pronuncia come nell'italiano "scivolo", badando bene di tenere i denti un po' più stretti del normale. Nel resto delle sillabe la normale pronuncia è simile a quella dell'italiano in parole quali "sal"e, "supporto", "segno", "sole".
Anche per il katakana, ricordiamo, vale il discorso sulla posizione di SHI e SU all'interno di una parola: quando precedono una consonante sorda, o quando SU è in finale di parola, la vocale si elide (esempi: daisuki -> "dais'ki"; deshita -> "desh'ta", ecc..).



GRUPPO TA-CHI-TSU-TE-TO:
PRONUNCIA: la T giapponese è come quella italiana, fatta eccezione per le sillabe CHI e TSU: la prima si pronuncia come la "c dolce" in "ciliegia", mentre la seconda è simile alla "z dolce" in "eccezione", e si può trovare nell'ormai diffusa parola "tsunami".
Riguardo TSU...no, graficamente non è uguale alla sillaba SHI, anche se lo sembra. Se ci fate caso, il terzo tratto lungo obliquo qui viene scritto dall'alto al basso, mentre in SHI è il contrario. Fate davvero molta attenzione a questa differenza, perchè sbagliare significherebbe cambiare completamente il suono di una parola!


GRUPPO NA-NI-NU-NE-NO:
PRONUNCIA: qui non ci sono particolarità di pronuncia, perchè la N giapponese è simile alla nostra in: "navicella", "nicotina", "nuvola", "nessuno", "nome".











Anche per questo gruppo di sillabe abbiamo preparato i fogli stampabili per l'allenamento personale.
Potete scaricarli gratuitamente cliccando qui: Foglio allenamento sillabe A-NO. In alternativa, cliccate in alto su "downloads" e prelevate il materiale che vi interessa.


Le immagini delle trascrizioni sono state realizzate usando i file di proprietà di M4RC0, nel rispetto dei termini di licenza da lui stesso stabiliti.
® All rights reserved.

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE - LEGGI PRIMA DI POSTARE!

Ogni commento rispecchia il punto di vista dell'autore, il quale si assume la piena responsabilità per i contenuti pubblicati. La redazione di Hanabi Temple provvederà a rimuovere quanto prima i commenti non idonei, illegali o potenzialmente dannosi per sensibilità e la sicurezza dei lettori.

Ultime news