5 ott 2015

Tsukimi-dango!

Tra tutti i piatti dolci della cucina giapponese, i dango (団子) sono sicuramente quello più noto.

Tsukimi dango - pic by yomi955
Anime, manga, ma anche semplici immagini hanno ritratto più volte queste palline dall'aspetto grazioso e invitante. E non mancano nemmeno i proverbi a tema, come quello che recita "meglio i dango dei fiori" (花より団子, hana yori dango), a invitare le persone ad essere più pragmatiche e preferire le cose materiali alla mera bellezza. Grazie alle loro fattezze, che li rendono un piatto consumabile in ogni situazione, sono anche uno dei prodotti tipici giapponesi maggiormente esportati all'estero. Ciò significa che se volete degustare tale pietanza potrete reperirla senza troppa difficoltà nei negozi di articoli alimentari internazionali! Se, tuttavia, avete voglia di cimentarvi nella loro preparazione, qui vi presentiamo una semplice ricetta reperita in rete.


Questa ricetta è particolarmente indicata per cucinare gli tsukimi dango, così definiti perchè si consumano proprio durante lo Tsukimi (月見), l'annuale ricorrenza d'autunno che cade durante la luna piena di settembre. Abbiamo scelto di presentare qui una variante che prevede l'utilizzo di tōfu al posto di acqua, per rendere la consistenza dei dango più morbida e cremosa.
Addentriamoci nel vivo della preparazione!


INGREDIENTI
- 200gr di Mochiko (farina di riso)
- 250gr di Tōfu
- Anko (marmellata di fagioli rossi) 

PREPARAZIONE
1. In una terrina amalgamiamo tra loro farina di riso e tōfu. Per assicurarci che non si vengano a creare grumi, è consigliabile setacciare la farina prima di mescolare il tutto. Possiamo tranquillamente farlo con le mani, magari usando dei guanti in lattice. Continuiamo a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo.

2. Aiutandoci con un cucchiaino per ottenere porzioni uguali, prendiamo un po' di composto e appallottoliamolo con i palmi delle mani, come mostrato nel video. Cerchiamo di creare palline non più grandi di 3 centimetri: devono avere all'incirca le dimensioni di un boccone.

3. Nel frattempo mettiamo dell'acqua a bollire in una pentola capiente. Solo quando l'acqua sarà giunta ad ebollizione potremo inserirvi dentro le nostre palline di impasto. Lasciamole cuocere finchè non iniziano a galleggiare sulla superficie: da quel momento, contiamo 3 minuti e poi rimuoviamole dall'acqua scolandole (possiamo usare una schiumarola o un qualsiasi mestolo forato). Lasciamo tutto riposare su carta assorbente per qualche minuto.

4. Una volta che i dango si sono raffreddati possiamo decidere di servirli su uno spiedo o impilati dentro un piccolo piattino. Arrangiamoli a nostro piacimento, e diamo un tocco finale con della marmellata di fagioli rossi, che insaporirà il tutto.


A questo punto siamo pronti a degustarli, da soli o in compagnia di amici!
Vi consigliamo di approfittare di queste prime notti autunnali in cui il clima è ancora mite per accompagnare le chiacchiere e il dolce gusto dei dango alla suggestiva visuale della luna piena.


Fonte: japanesecooking101.com [ENG]

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE - LEGGI PRIMA DI POSTARE!

Ogni commento rispecchia il punto di vista dell'autore, il quale si assume la piena responsabilità per i contenuti pubblicati. La redazione di Hanabi Temple provvederà a rimuovere quanto prima i commenti non idonei, illegali o potenzialmente dannosi per sensibilità e la sicurezza dei lettori.

Ultime news