14 mag 2017

Un mare di petali: i Nemòfila di Hitachinaka

In Giappone, ormai lo sanno anche i non appassionati, il fiore simbolo per eccellenza è il sakura no hana 桜の花, il fiore di ciliegio. Nel periodo della sua fioritura l’intero Paese si ricopre da sud a nord di miriadi di sfumature rosate, dalle più pallide e delicate alle più intense e vivide. Con il suo carico di simbologie e significati è parte integrante della cultura nipponica e viene celebrato da secoli in tutti i modi possibili: in poesia, nell'arte, nel cibo, in veri festival dedicati, e persino negli oggetti quotidiani. In poche parole è il “signore” tra tutti i fiori, quello a cui immediatamente si associa la primavera nel Paese del Sol Levante. La sua fama è tale da far dimenticare che però esistono molti altri fiori, ugualmente degni di nota.

Presso il Parco Litoraneo Statale di Hitachi (Kokuei Hitachi Kaihinkōen 国営ひたち海浜公園), nella città di Hitachinaka ひたちなか市 (prefettura di Ibaraki 茨城県) in questi giorni fiorisce il Nemòfila (nome scientifico: nemophila menziesii), un fiore annuale della famiglia delle Idrofillacee originario del Nord America. È un piccolo arbusto che raggiunge all’incirca i 20 cm di altezza e si caratterizza per la forma a cinque petali della corolla e per il verde chiaro delle foglie. Soprannominato “Baby blue eyes”, in Giappone viene chiamato semplicemente Nemophila ネモフィラ, dal suo nome latino, o Rurikarakusa 瑠璃唐草, “arabesco color lapislazzuli”, per via del suo color azzurro intenso. In realtà ha un aspetto assai comune, eppure riesce a regalare uno spettacolo incredibile ai visitatori del parco, che vengono da tutte le parti del Giappone per ammirarlo. Guardate le foto seguenti, per credere!

ptrktn on flickr.


I suoi oltre 4 milioni di fiori ricoprono oltre 3 ettari di parco, in uno spettacolo che viene chiamato Nemophila Harmony ネモフィラハーモニー.

Ken_ichi Kaizuka on flickr.
Secondo il linguaggio dei fiori giapponese, il nemòfila significa "Successo in ogni cosa" (Doko de mo seikō どこでも成功), "Grazioso, innocente" (Karen 可憐), "Io ti perdono" (Anata o yurusu あなたを許す).

Atsushi Morita on flickr.
Il punto d’osservazione migliore è l’altura Miharashi no Oka みはらしの丘, dove lo sguardo può abbracciare in un solo colpo d’occhio questo splendido mare floreale, il cui colore è quasi indistinguibile da quello del cielo, e raggiungere anche l’Oceano Pacifico, poco lontano.

Hir****** Sak**** on flickr.
Il parco, grande complessivamente 200 ettari, ospita anche altre varietà di piante, e oltre agli immensi prati possiede anche foreste e dune sabbiose. Un luogo davvero suggestivo.

Nemo's great uncle on flickr.
A sole due ore circa in treno da Tokyo, una meraviglia della natura che non ha nulla da invidiare ai più famosi sakura!

LiangTea on flickr.
Fonti:
Ibaraki Guide
RocketNews 24
Hana kotoba
Treccani

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE - LEGGI PRIMA DI POSTARE!

Ogni commento rispecchia il punto di vista dell'autore, il quale si assume la piena responsabilità per i contenuti pubblicati. La redazione di Hanabi Temple provvederà a rimuovere quanto prima i commenti non idonei, illegali o potenzialmente dannosi per sensibilità e la sicurezza dei lettori.

Ultime news