23 ago 2017

Creato tessuto sintetico per shamisen

Lo shamisen 三味線 è uno strumento a tre corde suonato tipicamente dalle geisha, e solitamente è il primo che salta in mente quando si pensa alla musica giapponese. C'è, tuttavia, un particolare di cui non tutti sono al corrente: la pelle che ricopre la cassa di risonanza di quest'oggetto viene tradizionalmente ricavata da cani o gatti. Nonostante nel corso degli anni molte persone, soprattutto non giapponesi, si siano indignate, i liutai si sono sempre rifiutati di utilizzare un materiale sintetico, sostenendo che questo avrebbe modificato il suono unico degli shamisen. Fortunatamente per i piccoli animali, però, è stato finalmente creato un materiale molto simile alla pelle di cani e gatti. Questo tessuto, chiamato Ripple, è stato sviluppato da Komatsuya Ltd., un'azienda della prefettura di Kanagawa.

Una geisha suona lo shamisen{via Wikimedia Commons}

I suonatori di shamisen hanno particolarmente apprezzato il Ripple per il suo basso costo, la sua resistenza e il tipo di suono che produce, molto simile all'originale. Senza contare che il non utilizzo di vera pelle renderebbe più accettabile al pubblico la produzione degli shamisen.
Per anni l'azienda Komatsuya si è procurata le pelli che coprono il fronte e il retro dello strumento dal sud-est asiatico, ma l'aumento del prezzo e l'abbassamento della qualità hanno spinto il presidente, il sessantatreenne Hideo Komatsu, a finanziare la ricerca del nuovo materiale sintetico. Questa iniziò nel 2004 e portò alla creazione di un prototipo tre anni dopo, che però non soddisfò Komatsu, il quale proseguì la sua ricerca. La svolta arrivò quando Komatsuya decise di collaborare con un'azienda tessile e, nel 2014, finalmente vide la luce Ripple.

Come già accennato, uno dei punti forti di Ripple è il suo prezzo: ricoprire uno tsugaru shamisen 津軽三味線 -ovvero uno shamisen utilizzato in un genere musicale che ha avuto la sua origine nella penisola di Tsugaru, prefettura di Aomori- con Ripple costa solo 50.000 yen, ovvero dai 20.000 ai 30.000 yen in meno rispetto alla pelle di cane o gatto. Inoltre il nuovo tessuto dovrebbe essere più resistente e longevo. Secondo Japan Acoustic Laboratory, un istituto per le analisi di suono e voce presente a Tokyo, il suono prodotto dagli shamisen ricoperti con il materiale sintetico non presenta differenze evidenti con quello emesso da shamisen ricoperti di vera pelle.

Due shamisen prodotti da Komatsuya {Fonte: The Japan Times}

Anche i musicisti hanno dimostrato di apprezzare questo nuovo materiale. Ryohei Inoue, membro della AUN J Orchestra specializzata in strumenti giapponesi, ha descritto il suono degli shamisen di Komatsuya come "incredibilmente buono" e ha raccontato che spesso, soprattutto durante le tournée all'estero, le persone si rifiutavano di ascoltarli quando venivano a sapere che pelle di cane o gatto veniva utilizzata per produrre gli strumenti. Masamitsu Takasaki, un musicista di tsugaru shamisen, ha fatto notare che gli strumenti ricoperti di Ripple sono particolarmente adatti alle performance all'aperto in quanto questo materiale è anche resistente alla pioggia. 

Grazie a questa invenzione, il suono degli shamisen potrà continuare a diffondersi nel mondo senza che a soffrirne debbano essere degli sfortunati cani o gatti.



Fonte:
The Japan Times

Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE - LEGGI PRIMA DI POSTARE!

Ogni commento rispecchia il punto di vista dell'autore, il quale si assume la piena responsabilità per i contenuti pubblicati. La redazione di Hanabi Temple provvederà a rimuovere quanto prima i commenti non idonei, illegali o potenzialmente dannosi per sensibilità e la sicurezza dei lettori.

Ultime news