24 gen 2018

Santuario di Yamaguchi vanta record nazionale di talismani

Chiunque abbia avuto l’occasione di visitare il Giappone, o anche solo di ricercare online il termine jinja 神社, santuario shintoista, avrà sicuramente visto un ampio espositore con centinaia di colorati oggetti dalla forma solitamente rettangolare. Sono gli omamori お守り, i talismani in stoffa dai più diversi campi d’azione, imperdibili souvenir richiamo di fedeli e di turisti.

Il santuario Kotozaki Hachimangu 琴崎八幡宮 della città di Ube 宇部 (prefettura di Yamaguchi 山口県) sbaraglia ogni competitore mettendo a disposizione dei visitatori un assortimento di ben oltre 800 tipi diversi di talismani.

Probabilmente vendiamo la più vasta selezione di omamori di tutto il Giappone. Puntiamo ad offrirne tanti quanti sono i desideri che esistono nel mondo”, ha affermato Katsunari Fujino, responsabile della sovrintendenza del santuario. 

Fujino e alcuni modelli classici di omamori (KYODO)

Stando a quanto racconta Fujino, tutto ebbe inizio quando venne incaricato della gestione dei talismani in carta e degli omamori. All’epoca, con un’incredibile intuizione imprenditoriale, decise di reintrodurre gli oltre 500 modelli diversi rimasti in giacenza nel magazzino del santuario. L’inaspettato riscontro commerciale della sua operazione lo convinse a studiare nuovi portafortuna che potessero soddisfare le richieste dei visitatori, fino ad allora rimaste inascoltate. La sua prima creazione di successo fu un omamori per la protezione degli operai da cantiere, realizzato in nero e giallo, proprio i colori convenzionali dei macchinari pesanti e delle scritte di pericolo. Attualmente il personale del Kotozaku Hachimangu lancia all’incirca un centinaio di talismani originali ogni anno, eliminando quelli dalle prestazioni in calo. Questo meccanismo va ad incrementare annualmente la gamma dell’offerta di circa trenta modelli. 

Possiamo quindi trovare, oltre ai tradizionali prodotti per superare esami d’ammissione universitaria, per una guida sicura o un parto senza complicazioni, anche quelli per la protezione del proprio animale domestico, o pensati per i fan della nazionale di calcio giapponese, in pratico jeans, e persino quelli di Hello Kitty. Fujino, con la sua strategia, mira ad rafforzare la celebrità del suo santuario, in continua competizione con quelli vicini, come il celebre Hōfu Tenman-gū 防府天満宮 dedicato a Sugawara Michizane 菅原道真, protettore degli studenti.

 
Altri design decisamente attuali! {kotozaki.com}


Tuttavia, com’è tristemente noto, il prezzo del successo si paga. Così facendo Fujino non si è limitato ad attrarre nuovi potenziali visitatori-clienti, ma ha spinto schiere di responsabili di santuari a venire a curiosare da tutte le parti del paese. Naturalmente, al pari di ogni altra idea vincente, anche questa è destinata a generare cloni ed imitazioni, come dimostrano recenti casi di omarori contraffatti riscontrati ad Osaka 大阪.


Nessun commento:

Posta un commento

ATTENZIONE - LEGGI PRIMA DI POSTARE!

Ogni commento rispecchia il punto di vista dell'autore, il quale si assume la piena responsabilità per i contenuti pubblicati. La redazione di Hanabi Temple provvederà a rimuovere quanto prima i commenti non idonei, illegali o potenzialmente dannosi per sensibilità e la sicurezza dei lettori.

Ultime news